Sesso veloce: la sveltina

La sveltina è un desiderio sessuale maschile molto comune e che molti avranno realizzato. Se per le donne, la sveltina per essere soddisfacente a livello sessuale e mentale deve rispettare alcune regole, per l’uomo il sesso veloce è una soddisfazione più immediata e sempre sicuramente piacevole. E allora perchè scrivere un articolo sulla sveltina? Perché a volte, i desideri che sembrano più banali, offrono più piacere di quanto ci si aspetti e nascondono insidie che troppi sottovalutano.

Senza chiedersi se la sveltina, piaccia di più agli uomini o alle donne, occupiamoci di questo classico dell’eros, analizzandone, per una volta, gli aspetti al maschile. Sono molti infatti gli uomini che ci leggono e molte le donne che potrebbero usare questo post per far notare al proprio uomo, che questo desiderio, seppur dettato dall’urgenza passionale, va soddisfatto sanza tralasciare gli aspetti sensuali. che assicurano soddisfazione e piacere alle donne, nel nostro precedente articolo,  qui ci occuperemo esclusivamente di guardare la sveltina dal punto di vista tutto maschile.

Prima di tutto un avvertimento, si definisce sveltina, non un rapporto sessuale consumato alla svelta, senza né preliminari né carezze, ma un incontro sessuale sì breve e veloce, ma il cui presupposto resti l’appagamento di entrambi.

Molti uomini, ahimè, confondono la sveltina con un rapporto sessuale di breve durata, banale, senza passione, un atto volto semplicemente al raggiungimento dell’orgasmo, quasi un gesto meccanico.

Cari uomini, i piaceri maschili legati alla sveltina sono molti e migliori rispetto a venire in breve tempo e più intensamente possibile!

Il primo aspetto da cui un uomo può trarre molto godimento è che la donna che si sta penetrando, probabilmente non sarà bagnata come se fosse stata riscaldata con lunghi preliminari. Ne derivano sensazioni diverse, penetrazioni al limite tra il piacevole e doloroso per lei, che aprono a desideri e giochi tutti da esplorare.

Altro piacere tutto maschile della sveltina sta nel fatto  che con un incontro di questo tipo, difficilmente si consuma in un letto. Ecco che la sveltina costringe a posizioni meno inflazionate e più gradite agli uomini. Spesso infatti le posizioni canoniche della sveltina prevedono la penetrazione da dietro, o in cui è l’uomo a sostenere la donna e soprattutto a dare, o imporre, a seconda di quanta passione c’è, il ritmo al piacere.

La sveltina poi è l’occasione per l’uomo di esaudire il desiderio di essere un po’ più irruento, di mostrare tutta la sua carnale passionalità. Nella sveltina si abbandonano le delicatezze a cui le donne a volte costringono gli uomini, e allora, l’intimo si scosta, si sfila senza attenzione,  i collant scendono, si smagliano, le maglie si sollevano, le camicie escono dai pantaloni, si stropicciano, rendendo tutto estremamente passionale e trasgressivo.

L’uomo spesso è a comandare il gioco, è dominatore, torna maschio in bilico, in equilibrio tra passione e brutalità. Sovente  al posto dei baci, la sveltina istiga al morso, al piacevole succhiarsi, all’assaporarsi meno intimo ma più gustato, i sospiri si fanno affanni e i gemiti si soffocano.

Ottima, la sveltina per rapporti occasionali, cedono alla seduzione del rapporto fugace colleghe d’ufficio, o meglio se si è il capo, segretarie. Spesso la sveltina è un buon coronamento per tutti quei rapporti che non desiderano coinvolgimenti particolari, che vivono di attrazioni estemporanee.

Da non sottovalutare poi la sveltina come diversivo per i rapporti consolidati. La partner si sentirà piacevolmente desiderata e offrirà in cambio il meglio di sé.

Soprattutto però nel rapporto di coppia non bisogna abusare della sveltina né tantomeno confonderla con un rapporto  scadente di breve durata.

I pericoli che nasconde la sveltina si celano sempre nella difficoltà di soddisfare veramente la partner. Spesso infatti le donne, in un rapporto breve, non fanno in tempo a raggiungere l’orgasmo.

La raccomandazione quindi è, anche nel caso di rapporto sessuale veloce, rallentare un attimo, stimolare, prendersi cura della donna e, se c’è intesa, passionalità e desiderio, lo stop non sarà neanche necessario.


I commenti qui sono chiusi.